Il ritorno delle gif animate

Posted by / 1 febbraio 2012 / Categories: Graphic Design, Internet & New Media, News dal Web / Tags: , / 0 Comments

Neil Postman, nel suo libro “Divertirsi da morire”, ha teorizzato che le nuove tecnologie, internet e televisione in particolar modo, stanno riducendo la nostra soglia di attenzione e non è l’unico che sta studiando questo nuovo fenomeno che ha anche un nome “Internet short attention span”.
Che sia una questione di soglia di attenzione o di semplice fretta, è vero che immagini e video sono molto importanti per la SEO ed è altrettando vero che gli utenti di internet prediligono le immagini e i video ai lunghi testi fatti solo di parole, questo è dimostrato dall’avvento di social network come Twitter (140 caratteri massimo), Tumblr (ben il 42% dei post originali è fatto di immagini) e Pinterest (social network di sole immagini).

Con queste premesse quindi non stupisce il ritorno delle GIF animate. Il formato .gif è uno dei formati per immagini più utilizzati. Rispetto all’JPG infatti ha una migliore risoluzione e qualità, ma è soprattutto alle animazioni che il formato GIF deve il suo successo.

Negli anni 90, nell’epoca delle dotcom, erano moltissimi coloro che usavano GIF Animate per i loro siti. Dopo il fallimento delle dotcom, i siti internet sono fortunatamente cambiati e le GIF animate sembravano destinate a morire, utilizzate solo dagli adolescenti su myspace.com.
In realtà  le gif stavano cambiando.
Programmi di grafica sempre più avanzati hanno fatto sì che le GIF animate diventassero più belle, un perfetto incrocio tra l’immagine statica e il video e perfettamente condivisibili sui social network come Tumblr e Google+.

About elisa

Ormai presenza fissa a Siks dal 2011, Elisa si occupa principalmente di SEO e di Social Media Marketing.

Siks Adv - Grafica & Comunicazione - Genova